mercoledì 17 agosto 2016

ferragosto nel Capo di Leuca

Siamo stati a Castrignano del Capo, e finalmente abbiamo visitato Giuliano, Ruggiano, Presicce e Salve. Qui posto le immagini più significative.
Chiesetta di Santa Marina, Ruggiano
abside

esterni



drago, particolari

affresco...

San Biagio, Salve



masseria Santu Lasi

Giuliano


castello



Ruggiano, 1 e 2

santuario di Leuca

Presicce









alba, ponte del Ciolo




e le ricette? varie... pasta al pomodoro fresco e basilico con cacioricotta dolce
peperoni piccanti (pipi 'mari) fritti
anguria...

mercoledì 3 agosto 2016

indovina la città 6 lettere

Hic sunt leones... sapete dove siamo?









e dopo, tanto per tornare a casa, agriturismo Serine...



mercoledì 6 luglio 2016

ESOF 2016 Manchester




The EuroScience Open Forum, Europe's largest general science conference, is just weeks away and host city Manchester is preparing to welcome some of the biggest names and institutions in science to discuss the latest global issues and hot topics including AI, ocean health, tattoos and Zika.
Over the course of the four day conference (24-27 July), and the festival week around it, thousands of visitors will come to the city to experience what Manchester has to offer and we'd like to invite you to join them.
The
full conference programme is online http://www.esof.eu/the-programme/topical-sessions.html
The Science in the City festival coincides with ESOF and will take place in and around the city centre, to bring the city alive with science. Suitable for all ages, the festival runs from 22-29 July and includes an interactive allotment of the future, a inflatable museum inside the cathedral and a night out for women in science. This provides a great way to get to know the city and its heritage.

There are three core strands to ESOF, the main science programme, a dedicated business strand which focuses on how business and science interact and a careers strand for those starting out in science. Alongside these there is also a special programme of
Responsible Research and Innovation (RRI) events has also been scheduled for Sunday 24 July, before the official opening of ESOF.

CERN, SKA, and beyond
With over 150 sessions, it stands to reason that the conference has attracted some of the biggest institutions to present their research and views on science.
Delegates at ESOF can expect to see sessions organised by CERN, Johnson & Johnson, BT and the European Commission as well as the Institute of Physics, Nordforsk and the Nestlé Research Centre.
They will be presenting on everything from pandemics and cybersecurity, to CRISPR, solar remediation, doping in sport and the future of the world's food needs

Sir Andre Geim & John Lloyd
Nobel laureate and one of the fathers of graphene, Sir Andre Geim will be sitting down in conversation with Black Adder & QI creator John Lloyd to discuss everything from his Nobel winning discovery, science in Manchester and possibly even levitating frogs. Not to be forgotten, Kostya Novosolev will also be joining a session on the wonder material graphene. 

ESOF 2016's speaker line-up features some of the world's best and most prominent minds in science, including a handful of Nobel laureates and three recipients of the L’Oréal-UNESCO "For Women in Science" Award; Professor Emmanuelle Charpentier (CRISPR systems for genome editing), Dame Athene Donald and Professor Reiko Kuroda.

A session will deal with global pandemics.
Our global lifestyles continue to expose humanity to unprecedented health threats, not just from ‘traditional diseases’ but also increasingly from new pathogens, zoonoses and newly-evolved varieties of disease, such as the Zika virus. A panel of health experts will discuss the factors that contribute to pandemics, including pathogens, water/food supply chain, sanitation and climate. It will examine the role of private industry, government and NGOs in prevention and addressing pandemics through policy, regulation and actions. Where possible, they aim to identify the key action items that must occur to prepare, not only for Zika, but for the next recurrence of Ebola and the future emergence of new diseases. We also anticipate that the discussion will include references to tuberculosis, HIV, influenza and other communicable diseases that pose global threats.

Session on bioeconomy
The bioeconomy comprises those parts of the economy that use renewable biological resources from land and sea – such as crops, forests, fish, animals and micro-organisms – to produce food, materials and energy. Last December, at the COP21 climate summit in Paris, countries around the world pledged to keep global temperatures "well below" 2.0C (3.6F) above pre-industrial times and to "endeavour to limit" them even more, to 1.5C. This pledge requires the world to move rapidly toward a goal of 100% clean energy production, with a target of producing zero net greenhouse gas emissions at some time between 2050 and 2100: it will entail limiting the amount of greenhouse gases emitted by human activity to the same levels that trees, soil and oceans can absorb naturally. It is clear that the bioeconomy could thus play a major role in achieving the required shift from fossil fuels to the use of renewable sources of energy and offers an alternative to the dangers and limitations of our current fossil-based economy.
Directorate General, DG-Research Innovation, EU Commission, Bruxelles.

Also featuring in the programme are Professor Brian Cox, Sir Mark Walport, UK Government’s Chief Scientific Adviser and Dr Fabiola Gianotti, Director-General at CERN.
HRH Princess Sumaya bint El Hassan, Princess of Jordan will be joining the speaker lineup alongside Sir Chris Llewellyn-Smith to discuss SESAME.
Fabiola Gianotti received her Ph.D. in experimental particle physics from the University of Milano in 1989. Since 1994 she has been a research physicist in the Physics Department of CERN and since August 2013 an honorary Professor at the University of Edinburgh. She is also a corresponding member of the Italian Academy of Sciences (Accademia Nazionale dei Lincei) and foreign associate member of the National Academy of Sciences of the United States.
Dr Gianotti has worked on several CERN experiments, and been involved in detector R&D, construction, software development and data analysis. From 2009 to 2013, she held the elected position of project leader (spokesperson) for the ATLAS experiment, and had the task of presenting the results on the search for the Higgs boson in a seminar at CERN on 4 July 2012.
Gianotti has authored, or co-authored over 500 publications in peer-reviewed scientific journals and given more than 30 invited plenary talks at major international conferences in her field.
She also holds or has held membership of several international committees, including the Scientific Council of the CNRS (France), the Physics Advisory Committee of the Fermilab Laboratory (USA) the Scientific Council of the DESY Laboratory (Germany) and the Scientific Advisory Committee of NIKHEF (Netherlands). She is also a member of the Scientific Advisory Board of the UN Secretary-General, Mr Ban Ki-moon.
Gianotti was awarded the honour of “Cavaliere di Gran Croce dell’ordine al merito della Repubblica” by the Italian President Giorgio Napolitano. She received the Special Fundamental Physics Prize of the Milner Foundation (2012), the Enrico Fermi Prize of the Italian Physical Society (2013) and the Medal of Honour of the Niels Bohr Institute of Copenhagen (2013).
On 1st January 2016 she became the first female Director-General of CERN.


Presidente CNR a Lecce domani 7 luglio

Il Prof. Massimo Inguscio, Presidente del Consiglio Nazionale delle Ricerche, terrà una lectio magistralis su “La luce e la misura del tempo” 
 7/7/2016
Il 7 luglio dalle ore 10.30, presso il Centro Congressi del complesso Ecotekne, è in programma la cerimonia di consegna dei diplomi di dottorato (anni solari 2014/2015) della Scuola Superiore ISUFI dell’università del Salento.

Colgo l'occasione per ripubblicare un post che è apparso nel 2011 sul blog GiapponeGiappone, ormai chiuso.

Il Ministro Profumo e la scienza in Giappone 
Mercoledì 21 Dicembre 2011
Ieri sera su La7, a 8 e mezzo, Lilly Gruber ha intervistato il ministro Francesco Profumo, ex-rettore del Politecnico di Torino, temporaneamente sospeso dal nuovo incarico di Direttore del CNR. La personalità è di alto livello, ed ha dimostrato abilità di gestione della crisi attuale, economica e politica. Ha detto, tra le altre cose, che ha avuto una esperienza come ricercatore in Giappone, e che la figura del professore capo, il sensei, è da prendere come esempio. Il senso era che la scuola deve dare spazio alle gratificazioni dell'insegnante (in mancanza di fondi per gli aumenti di stipendio), e che nel mondo della ricerca si deve creare un ambiente più produttivo anche grazie a buoni rapporti tra l'anziano, l'esperto, e i formandi. Ha detto anche che le nostre eccellenze sono individuali, di singoli, e che gli italiani non riescono a riportare in Italia i fondi europei per la ricerca, solo la metà dei 15 milioni di euro che l'Italia versa alla Commissione Europea, e che perciò bisogna saper fare più squadra, fare sistema. Prendo spunto da questa riflessione per aggiungere alcuni commenti sulla mia esperienza nel mondo gerarchizzato della ricerca giapponese. Nel laboratorio in Giappone vige una disciplina ammirevole. Una volta alla settimana si svolge la riunione per presentare le "cose da fare" (le corveè, tipo la pulizia delle stanze, l’igiene negli stabulari, attingendo a una lista di nomi a rotazione periodica), programmare le attività, i seminari, le visite, le riunioni. Si mette ordine, si passa l'aspirapolvere, a turno, ed il capo si pulisce il proprio spazio. Si organizzano feste e cene, a cui ognuno contribuisce secondo il suo grado e salario, i più in alto pagano di più. Non c'è un orario per ritirarsi, il sensei va via tra gli ultimi, e sembra sempre indaffarato ma attende che gli si chieda un minuto di attenzione. Rientrare a casa dopo la cena di laboratorio, il sabato sera, è da occidentali. La domenica è una buona occasione per visitare il laboratorio e parlare con i capi, in genere passano a fare presenza. Il complesso è strutturato in divisioni, che accedono ad una strumentazione condivisa, che viene programmata e acquistata insieme, il personale è istruito ad usarla, non ci sono grosse invidie e usi personali di strumenti. Capita di scendere nel seminterrato per la camera oscura, e salire ai diversi piani per le centrifughe, gli scanner, e lasciare una prenotazione scritta e così pianificarsi gli esperimenti. La strumentazione viene sostituita con rapidità, si fa l'upgrade, i fondi ci sono. Negli spazi comuni ci sono un bollitore, caffè solubile, a volte dolci o frutta, si condivide il momento del tè delle 17, un kaki-mela tagliato a fette, un souvenir portato da un visitatore o al rientro da un convegno. Il journal club si svolge nella pausa pranzo, mentre tutti mangiano, ognuno sceglie un articolo che ha informazioni nuove o attinenti alla ricerca in corso, e bisogna fare domande. Bisogna anche rispondere, e questo viene più facile agli occidentali. Il mondo della ricerca è per i giovani. Ti spronano a produrre al massimo livello (il livello si misura con l'impatto del giornale su cui pubblichi, su tanti dati prodotti) e ti persuadono con il mantra magico: entro una certa età (27-30 anni) bisogna arrivare al risultato prestigioso, le pubblicazioni, la carriera assicurata. Dopo, si sopravvive. Infatti, tanti Istituti vengono chiusi, rimaneggiati, posizioni di tecnico perse. Specie il mondo della ricerca è molto duro con le donne. Molte ricercatrici perdono il contratto, che è a tempo determinato, e dopo i 35-40 anni non resta che occuparsi dei genitori, rientrare nella casa di famiglia, cambiare attività.
Mobbing, pretese eccessive. 
Ho visto dottorande trattate male da capetti rudi, ho consolato persone in pianto. A qualcuno era stato chiesto di fare di più, produrre altri dati, quando la tesi era già finita. Ricercatori stranieri hanno interrotto il contratto per disaccordi con il proprio tutor. Personaggi di tutto rispetto, da un giorno all'altro spostati dalla capitale alla provincia, in apparenza una promozione a incarico dirigenziale, in pratica trasferiti per dare nuovo slancio alla sezione e perché non producevano abbastanza risultati, non eccellevano più. Anche il sensei è sempre valutato, considerato e soppesato e deve superare nuove prove, nuovi esami. Anche in Giappone si festeggia quando un articolo viene pubblicato su un buon giornale: così in Francia, dove dall'impact factor si decide se stappare una bottiglia di spumante o di champagne. In UK, adesso chiedono due articoli all'anno di alto impatto. Da noi, due articoletti all'anno per non essere considerati improduttivi, ma ci si sta orientando verso sistemi internazionali di valutazione. Speriamo di riuscire a fare sistema anche condividendo gli spazi ed i mezzi, noi italiani siamo troppo gelosi di quello che è nostro.


venerdì 24 giugno 2016

Nuova pubblicazione prodotta al CNR-ISPA Lecce


"Structures of mammalian ER α-glucosidase II capture the binding modes of broad-spectrum iminosugar antivirals", l'ulitmo prodotto della ricerca dell'ISPA di Lecce, accettato su Proceedings of National Academy of Sciences USA, propone l’uso della pianta come sistema modello per lo screening di potenziali antivirali umani.
Complimenti  ai collaboratori che hanno ottenuto questo  risultato davvero brillante.

A me il merito di aver messo insieme i due team e di aver finanziato sul mio progetto l'assegno di ricerca , e di essere riuscito a ottenere la sua estensione dal Direttore, in attesa che arrivino i soldi del conguaglio al CNR.

Ecco la lista degli autori:
Alessandro T. Caputo1, Dominic S. Alonzi1, Lucia Marti2‡, Ida-Barbara Reca2‡, J. L. Kiappes1, Weston B. Struwe1, Alice Cross1, Souradeep Basu1, Edward D. Lowe1, Benoit, Darlot1,3, Angelo Santino2, Pietro Roversi1* & Nicole Zitzmann1*
1: Department of Biochemistry, University of Oxford, South Parks Road, Oxford OX1 3QU, United Kingdom. 2: Institute of Sciences of Food Production, C.N.R. Unit of Lecce, via Monteroni, 73100 Lecce, Italy. 3:Ecole Nationale Supérieure de Chimie de Montpellier, 8 Rue de l'Ecole Normale 34296 Montpellier CEDEX 5, France. ‡: these authors contributed equally.

Abstract:
The biosynthesis of enveloped viruses depends heavily on the host cell
endoplasmic reticulum (ER) glycoprotein quality control (QC) machinery. This
dependency exceeds that of host glycoproteins, offering a window for the targeting of ERQC for the development of broad-spectrum antivirals. We determined small angle X26 rscattering (SAXS) and crystal structures of the main ERQC enzyme, ER α-glucosidase II (from mouse), alone and in complex with key ligands of its catalytic cycle and antiviral iminosugars, including two that are in clinical trials for the treatment of dengue fever. The SAXS data capture the enzyme’s quaternary structure and suggest a conformational rearrangement is needed for the simultaneous binding of a monoglucosylated glycan to both subunits. The X-ray structures with key catalytic cycle intermediates highlight that an insertion between the +1 and +2 subsites contributes to the enzyme’s activity and substrate specificity and reveal that the presence of D-mannose at the +1 subsite renders the acid catalyst less efficient during the cleavage of the monoglucosylated substrate. The complexes with iminosugar antivirals suggest that inhibitors targeting a conserved ring of aromatic residues between the α-GluII +1 and +2 subsites would have increased potency and selectivity, thus providing a template for further rational drug design.
Significance statement: Most pathogenic enveloped viruses crucially depend on the
quality control (QC) machinery in the endoplasmic reticulum (ER) of the host cell.
ERQC inhibitors therefore have the double potential benefit of targeting a wide variety of viruses (“broad-spectrum antivirals”) without the risk of losing efficacy due to escape mutations in the viral genome. Our recent work has proven that inhibition of the central enzyme of ERQC, α-GluII, is sufficient for antiviral activity against dengue fever in vitro and in vivo. Here, we show how antiviral inhibitors bind to portions of α-GluII that are unique to this enzyme, and we open the way to the development of potent and selective antivirals against existing and emerging infectious disease.

 KEYWORDS: broad-spectrum antiviral, ER α-Glucosidase II, eukaryotic secretion, glycoprotein folding, iminosugar.


A me l'idea piace e si potrà pubblicare assieme se gli esperimenti vengono.
Quanto agli esperimenti, si dovrebbe:
1. Trovare un substrato *fisiologico*, per quella linea cellulare guardando nel secretoma, al massimo farci una fusione con GFP (ma: un mutante di GFP alterato come al punto successivo dovrebbe anche quello funzionare).
2. Trovare il modo di alterarne il fold (ma qui io ho idee, credo che basterebbe mutare in vicinanza di disolfuri, l'importante
sarebbe che il disolfuro esista ma che la mutazione ne modifichi l'intorno, se ho ragione!)
3. Guardare se rimane intrappolato nell'ER e in che regione dell'ER

Che cellule usereste voi?
Altre idee benvenute

Pietro Roversi

-----Original Message-----

Sent: Fri 4/5/2013 12:51
To: Pietro Roversi
Subject: Re: UGGT e assegno ricerca

allora,
ho parlato adessso con Giampietro per chiarire chi mette cosa
se siete d'accordo, si potrebbe scrivere un progetto

la nostra collaboratrice ha competenze di espressione e produzione di proteine ricombinanti, da pianta
una volta che si può iniziare, noi come CNR mettiamo il materiale, e anche spazi, e strumenti, Botanica risulta istituto ospitante, tra l'altro procedendo si possono approfondire altri aspetti dello stresso ER,
l'importante ora è sapere se tu Pietro hai piacere a condividere l'idea progettuale, se vuoi solo che l'assegnista venga da te con la proteina purificata, da lievito o da altre cellule, o se le vorrai o farai svolgere attività da te,  e così via, quando il lavoro sarà iniziato potremo discutere meglio tutti i dettagli
alla prossima
Palmiro

lunedì 20 giugno 2016

Stage alternanza scuola lavoro

Si è concluso stage alternanza scuola-lavoro di 10 ragazzi di terza liceo, un grazie  ai docenti di: Biologia marina, Chimica Organica, Fisiologia animale, Botanica, Fisiologia vegetale, Lab4You, CNR-IMM, Electromagnetic lab, e CNR-ISPA.
Una decina di studenti del Liceo Virgilio (classico, ad indirizzo linguistico) hanno frequentato per tre settimane l' Istituto di Scienze delle Produzioni Alimentari.
I ragazzi si sono divertiti, hanno colato terreni agarizzati  nelle piastre, hanno inoculato terreni liquidi in provetta, con batteri coltivati da fermentazioni di vegetali e latte (da cavolo, da cetriolo e da capperi, sotto sale, lievito madre, e kefir), hanno fatto osservazioni al microscopio a immersione guardando la differenza di dimensioni tra lieviti e lattobacilli, poi sono passati a osservare capelli e ciglia, anche uno striscio di sangue... hanno usato pipettatori, hanno caricato il DNA e le proteine nei pozzetti del gel, sono stati abbastanza autonomi.
E hanno lasciato per qualche minuto i loro smartphone con cui sembrano in simbiosi e quasi dipendenza (per comunicare con la prof, per chattare, per tutto)

FASI del Percorso
Fase 1
Ore previste: 10
Titolo
Formazione/informazione in aula e visita guidata dei laboratori
Contenuti
Struttura organizzativa dell’Ente.
Attività svolte dall’Istituto nel campo della ricerca, dell’  innovazione e del trasferimento tecnologico.
Norme di sicurezza e prevenzione.

Obiettivi
Conoscere l’Istituto, le metodologie sviluppate nei vari ambiti di ricerca, le ricadute dei risultati tecnico-scientifici nel sistema produttivo.
Acquisire gli elementi di conoscenza minimi relativi alla sicurezza e prevenzione nei laboratori di ricerca.

Fase 2
Ore previste: 50
Titolo
Formazione in laboratorio
Contenuti
Filiere agroalimentari/fermentazioni: vino, prodotti da forno, lattiero-casearia, olive, aceto, cetrioli, cavolo, vegetali, (e valorizzazione degli scarti). Batteri lattici, resistenza al sale ed alle temperature fino a 60 gradi.

Obiettivi
Acquisire metodiche di microbiologia
Allestire metodiche di analisi (gel elettroforesi, cromatografia liquida, ecc.)


Competenze specifiche attese in uscita:

·        Conoscere e mettere in atto le norme di sicurezza che regolano le attività lavorative nei laboratori scientifici;
·        Acquisire e sviluppare le conoscenze tecnico-professionali in contesti produttivi;
·        Analizzare e interpretare i dati con l’uso di appropriate strumentazioni;
·        Acquisire le capacità operative specifiche del settore.

Relazione sulle attività svolte:


Data e ora
ora
Attività
30/05/2016     
      
31/05/2016            
9:00-13:00
9:00-13:00
Informazione in aula sulla sicurezza  e visita guidata dei laboratori. Preparazione di soluzioni tampone
Preparazione di terreni agarizzati (Rogosa). Osservazioni al microscopio ottico. Piastramento batteri Kefir (Lattobacilli e lieviti)
01/06/2016    
       

03/06/2016            


06/06/2016



07/06/2016


08/06/2016


09/06/2016



10/06/2016



13/06/2016





14/06/2016



15/06/2016




16/06/2016




17/0672016





20/06/2016            
9:00-13:00


9:00-13:00


9:00-13:00


9:00-13:00


9:00-13:00


9:00-13:00



9:00-13:00



9:00-13:00





9:00-13:00



9:00-13:00




9:00-13:00




9:00-13:00





9:00-13:00
Gel di agarosio. Caricamento dei pozzetti con DNA.


Gel di poliacrilammide. Separazione proteine del siero di latte

Colorazione del gel con blu comassie. Osservazione batteri.

Colture batteri lattici in terreno liquido. Estrazione DNA. Laboratorio Cromatografia liquida. Separazione Carotenoidi.

Spettrofotometro, quantificazione del DNA. PCR. REAZIONE DI AMPLIFICAZIONE NEL TERMOCICLATORE

Purificazione dei prodotti di amplificazione su sefarosio. Reazione di sequenziamento del DNA. Speed vac per concentrare sotto vuoto.


Visita al Museo dell’Ambiente. Laboratorio di ecologia marina. Orientamento agli studenti. Microscopio, Artemia salina.



Analisi dei risultati di sequenziamento (Chromas) e allineamento di sequenze di DNA. HPLC: Cromatografia su colonna ad alta pressione, separazione di carotenoidi e luteine, da pasta arricchita in oleoresina di zucca e ciclo destrine. 

Seminario: legumi e stress idrico.

Caglio: coagulazione delle caseine del latte. Cagliata. Ricotta. Da 1 litro, ottenuti 222 grammi. Fermentazioni di Capperi, cetrioli, cavolo, e lievito madre. Isolamento su piastra dei batteri lattici.

Visita nel laboratorio di Chimica organica. Gas cromatografia di massa. Archeologia e determinazione dei residui di alimenti e resine da terracotta e reperti archeologici.




Visita a Ingegneria, Dr. Tarricone. Laboratorio di Radiofrequenze (Electromagnetic lab). RFID ed etichette con antenne riceventi e trasmittenti.


Visita a Fisiologia. Stabulario di pesci e animali di laboratorio. CNR-ISPA. Fermentazioni e microbiologia.
Visita al CNR-IMM. Istituto Materiali e Microsistemi (materiali semiconduttori). Istituto di Fisiologia Vegetale, Lab4You. Orbitrap/Time of Flight spettrometro di massa per analisi di massa per molecole fino a 3000 Dalton. Camere di coltura per piante in condizioni controllate.

Visita a Botanica. Microscopia confocale.

venerdì 10 giugno 2016

La Piattaforma Tecnologia Europea sull'Agricoltura Biologica (TPorganics) ha preparato un position paper che indica le aree chiave di ricerca nel sistema alimentare e lungo la catena del valore dal punto di vista del settore del biologico. Oltre alle aree chiave di ricerca, il documento propone di definire un programma per promuovere la transizione dell'attuale sistema alimentare verso un modello più sostenibile. In questo programma saranno affrontati i principali fattori che impediscono tale transizione. 
Per piattaforma tecnologica in gergo progettuale si intende una larga associazione di industrie e centri di ricerca che operi su un tema di interesse specifico
Si dice che il settore agricolo non è  incisivo sui PIL nazionali, nonostante sia stato capace di aumentare l'occupazione del 2.2 % nell'ultimo semestre.
eppure, il settore della agricolutra biologica è in forte crescita:

  • in the EU alone the total area of farmland under organic production has increased steadily to 10.3 million hectares (as of 2014). This has been accompanied by buoyant market growth over the last ten years, with the total value of the EU organic retail market doubling from €11.1 billion in 2005 to €24 billion in 2014.

  • The position paper is meant as an input to the workshop by the EU Commission “Building our future food systems” on 11 May 2016. It is based on the Strategic Research and Innovation Agenda of TP Organics. Input and advice was provided by the national technology platforms of TP Organics and a team of experts. 
  • The position paper deals mainly with food system research and innovation “post farm gate”. Research and innovation needs related to primary production are not addressed.

Sustainable packaging
In recent years, the development of novel food packaging (modified atmosphere, active packaging) has not only increased the shelf life of foods, but also their safety and quality. At the same time such packaging may have a high environmental impact. Research in sustainable food packaging should be guided by the principles of the circular economy. Priority should be given to packaging with minimal environmental impact that can be re-used, recycled or is bio-degradable. 
Innovation in food packaging has gradually expanded towards the development of intelligent packaging, i.e. packaging that can monitor the condition of the contained food or the atmosphere surrounding the food during transport and/or storage. The development of such new intelligent packaging deserves further research. It can enable the detection of fraud throughout the supply chain or contribute to the prevention of contamination during transport.

Protein production and consumption
Europe depends greatly upon proteins imported from overseas (mainly soya). Europe’s self-sufficiency in proteins needs to increase drastically, both for animal feed and direct human consumption. Efforts are needed at the level of primary production (growing more protein crops), but also at the level of food processing. Better feed and food processing techniques (e.g. texturisation, extrusion) should be developed for the production of more efficient protein feed 
Production of plant-protein products that can be accepted by consumers. The use of algae and insects for animal feed and human food should be further explored. 
In order to close the gap between demand and supply, not only the supply of regionally produced proteins should increase, but also demand for animal products (and hence animal protein feed) should decrease, by encouraging a dietary shift to vegetable proteins.

Sustainable, diverse and healthy diets
Diets and eating habits are an essential part of sustainable food systems. Research is needed on how dominant actors influence consumer behaviour, in ways which may lower environmental sustainability and nutritional quality. Social innovation is needed to increase the consumption of, and improve access to fresh, regional, seasonal and healthy food. It is important to promote diets with a greater proportion of plant-based products as this would considerably reduce the ecological footprint of Europe’s food system, while at the same time increase public health. The role of public policy (e.g. public procurement, subsidy schemes for sustainable and healthy food) and education should be investigated. Special attention needs to be paid to vulnerable groups like children, people living in poverty and social exclusion, rural communities or minorities.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001