lunedì 6 febbraio 2023

Budapest, PARP meeting 2017

 Mi sono fermato a Budapest una settimana, alloggiando in un ostello a prezzo stracciato, dove avevo già dormito nel 2011, di rientro da Praga e Kosice. La vista dal ballatoio su cui si affacciano i due immobili, gestiti da una coppia, lui americano: il caffè non l'ho preso mai da loro per colazione, sempre fuori, in panetteria. Questa volta ho preso la camerata mista, c'erano una ragazza francese, che parlava tutte le sere con il ragazzo via internet, ed un terzo uomo che non vedevo quasi mai. 

Avevo ancora qualche cartamoneta rimasta dal primo viaggio, ma nel frattempo hanno emesso nuova cartamoneta, per fortuna ho trovato una bancarella che me li ha accettati, con una leggera svalutazione.

La volta scorsa avevo girato Buda ed anche Pest, il  castello,  e fatto le foto di rito. Questa volta solo quelle indispensabili. Nel 2011, era già il secondo soggiorno, si arrivava dall'aeroporto con il treno, alla stazione Niigati, menre da quella Keletj si parte per Vienna e per l'est Europa. Dopo sono cambiate le cose, dall'aeroporto la navetta fa scendere alla stazione della metro e quindi bisogna prendere i biglietti della metro. Che però a me rimangono incompresnibili, non so mai da quale pare obliterarli.

Il meeting sulla ADP ribosilazione si tiene ogni due anni, e il comitato organizzatore è formato da tre professori/esse, Daniela Corda, Nicol Curtin, e Peter Bai, organizzatore locale, che ha accesso al centro congressi, che permette costi convenienti per noi europei. Io partecipavo in quanto editor del giornale Challenges, che aveva offerto 400 euro per il miglior poster per finanziare i giovani ricercatori (è stato selezionato dal comitato organizzatore quello di Lyle McPherson, del gruppo del Johns Hopkins university).



  


E' stata una occasione per me di incontrarmi di nuovo, dopo il 2013, con il mio professore di Tsukuba, il Dr. Miwa, con cui ho trascorso tre anni di ricerche, 1994, 1996 e 97, ed una sua collaboratrice, la Dr.ssa Masutani. Ancora oggi continuiamo a scrivere lavori ed a pubblicare insieme.
  
La cena sociale dei congressisti si è tenuta su un battello, che ci ha portato sul Danubio, ed all'interno siamo stati confortevolmente sistemati su più tavolate, io insiemai colleghi italiani di Roma e Napoli






Le restanti serate libere ci siamo visti per un drink,  per la cena e una passeggiata in centro






 







  
  

Pur essendo in confidenza, mi rammarico di non aver condiviso il mio piatto con i colleghi, sono sicuro che avrebbero voluto assaggiare tanti piatti diversi, come questo stracotto/brasato con le amarene.
Sul finire della settimana, abbiamo visitato il museo nazionale, con varie sale in cui si spiega la dominazione turca prima del regno austro-ungarico, e si capiscono le variazioni di territorio, ed i nomi dei luoghi.
Una visita alla casa di Bela Bartok, alla sua collezione di oggetti del folklore locale, al suo giardino, ha completato la nostra premanenza a Budapest. E' stato un viaggio con i  mezzi pubblici molto impegnativo, abbiamo cambiato due linee, per arrivare in una parte della città fuori dagli itinerari turistici. Ma ne è valsa la pena.
  
   

la sinagoga non siamo riusciti a vederla, con la  sfortuna del turista, siamo capitati di sabato, a soggiorno quasi concluso. A Budapest, ho fatto una sosta al supermercato: cumino dolce, radice di prezzemolo, paprika.
La domenica abbiamo condiviso un taxi, ed in aeroporto mi sono preso un caffè espresso, prezzo internazionale di due euro. Duty free, qualche bottiglia di distillati di prugne (slivovice), ciliege o frutti di bosco, ma siamo vicini a Bratislava, non perdetevi l'occasione, i distillati sono buoni e costano di meno, ed anche la birra conviene, un euro quella alla spina. 


Nessun commento:

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001